17 febbraio 2009

Il corrotto è condannato, il corruttore no...benvenuti in Italia!

Quattro anni e sei mesi: è questa la condanna per David Mills, l'avvocato inglese accusato di corruzione. Solo due mesi in meno di quanto richiesto dal pubblico ministero Fabio De Pasquale, che aveva proposto 4 anni e 8 mesi di reclusione. Il punto fermo è stato messo, dunque: Mills è stato corrotto. Il presunto corruttore, Silvio Berlusconi, invece, per ora non rischia niente: il processo nei suoi confronti è sospeso, in attesa che la Consulta decida sulla legittimità costituzionale del Lodo Alfano.
Qualche novità, intanto, comincia ad affiorare: secondo l'accusa infatti se il Lodo Alfano non dovesse risultare costituzionalmente valido, il reato del premier sarebbe a tutt'oggi punibile, e non già prescritto come si era finora ritenuto: Mills avrebbe infatti ricevuto da Berlusconi, attraverso il manager Fininvest Carlo Bernasconi, 600 mila dollari il 2 febbraio del 1998. Il legale però, che venne corrotto per omettere il vero o testimoniare il falso nell'ambito di due processi a carico di Berlusconi, quello sulle tangenti alla Guardia di Finzanza e quello All Iberian, intascò effettivamente quei soldi il 29 febbraio del 2000, due anni più tardi. Per questo la pubblica accusa sostiene che il reato cadrà in prescrizione solo nel 2010. Ora i giudici riuniti in camera di consiglio dovranno decidere se la modifica del capo di imputazione proposta in corso d'opera dal pm è valida.
Dal canto suo, Mills si era difeso con un memoriale in cui affermava che Berlusconi era stato vittima dei suoi errori e chiedeva scusa al premier. Per i consulenti della difesa è dimostrato che i 600 mila dollari facevano parte di una somma più ingente che Mills aveva ricevuto dall'imprenditore Diego Attanasio perchè la gestisse.

Ora mi chiedo: "ma se il corrotto (Mills) è stato ritenuto colpevole e per questo condannato a 4 anni e 6 mesi...non è possibile dire che sicuramente esiste un corruttore anch'esso almeno altrettanto colpevole? E chi sarà mai questo corruttore? Forse stasera nel TG1 Riotta lo dirà?

NB: In questo caso nemmeno la legge porcata sulle intercettazioni che stanno per approvare lo avrebbe salvato...questa volta carta canta!!! Tutte le prove contro Mister B. sono state scritte da Mills stesso e consegnate al suo commercialista inglese.

9 commenti:

articolo21 ha detto...

Lo dirà. Ma con pacatezza. Forse però decide di parlare di Obama. Gli piace tanto.

Crocco1830 ha detto...

Eeeeh ... questa dannata giustizia controllata dai rossi ...

Anonimo ha detto...

Berlusconi corruttore ... o sentenza politica? In entrambi i casi siamo davvero messi male!!! Che tristezza.

Andrew ha detto...

c'è il corrotto ma non il corruttore. solo in italia succede. che vergogna

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

In realtà il corruttore é appurato e si tratta del Cavaliere ma essendoci al momento il Lodo Alfano, Berlusconi non é processabile.

Anonimo ha detto...

Si..il corruttore si conosce e anche bene..penso fosse una battuta..

Ale ha detto...

ecco lì che interviene il lodo alfano..

La Mente Persa ha detto...

Riotta si è ben guardato dal diffondere la notizia!!!
Mills ha dovuto anche dare un risarcimento alla Presidenza del Consiglio che si è costituita parte civile per il danno di corruzione al giudice.
gio

..:: Symbian ::.. ha detto...

La presidenza del consiglio parte civile...il danno e la beffa!!!
Incredibile!!!