22 dicembre 2008

Piano Salva Lavoro del Governo

Ecco il piano di gente come Sacconi pagata profumatamente (TROPPO!) in un periodo come questo. La sua formula è:
"Ecco il piano salva-posti meno ore di lavoro e meno salari"

Io l'ho dovuto leggere un paio di volte, perché ho fatto fatica a comprendere il pensiero di questo guru dell'economia e del lavoro. Quindi, per intenderci, "Lavorare anche meno, pur di lavorare tutti".

Continuo a non comprendere. Forse visto che siamo in democrazia, si vuole un impoverimento democratico? Un impoverimento delle famiglie paritario?

Propongo di aprire il parlamento 1 giorno a settimana, in modo da pagare sta gente un settimo del loro stipendio. In fondo sappiamo tutti che il parlamento è tutta una farsa...e che il suo peso è praticamente nulla sulle scelte questa oligarchia opera sulle nostre teste. Riduciamo la settimana della politica! Riduciamo la settimana del sarto, del barbiere, delle auto blu, del ristorante, dei voli, degli alberghi, riduciamo la settimana dei privilegi!!!

Qui invece di pensare a nuovi investimenti, aiuto alle famiglie, alle aziende, lotta (vera!!!) alla corruzione partendo dall'alto, tagli alle spese superflue, pensiamo a come inculare questa crisi alle solite persone...


3 commenti:

"Arturo" ha detto...

Secondo me è una balla stratosferica.
Le aziende non ci staranno, magari lo faranno nel pubblico, deprimendo ancora di più stipendi miseri.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

La tua proposta ha una falla: loro già si riuniscono saltuariamente (mica sempre tutti i giorni) ma beccano cmq quello stipendio da furto...

il Russo ha detto...

Eccomi qua, ho seguito il tuo consiglio e ti ho letto. concordo con Arturo alla fin fine, secondo me non se ne farà un cazzo o si farà "alla cazzo" come questo governo d'altronde tutto fa.