13 novembre 2008

Il regime assalta il WEB



Ci avevano provato nell'ottobre 2007 quando il consiglio dei ministri approvava il cosiddetto "DdL Levi-Prodi", disegno di legge che prevedeva per tutti i blog l'obbligo di registrarsi al Registro degli Operatori di Comunicazione e la conseguente estensione sulle loro teste dei reati a mezzo stampa (Codice Rocco del fascismo).
Novembre 2008: la storia si ripete e questa volta sarà più difficile cambiare il corso degli eventi con questo governo che non conosce la differenza tra governare e comandare (come il collega putin insegna).
Il giurista Daniele Minotti denuncia la boiata del DdL C. 1269 .

Risultato? Stanno controllando giornali e televisioni, settimanali e mensili (forse anche Topolino...) ma ancora non sono riusciti a mettere le loro mani sulla rete!
Se passerà questo decreto:
- ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale
- ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all'Agenzia delle Entrate
- ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)
- ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa
- ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denunciato per il reato di "stampa clandestina": due anni di carcere e sanzioni economiche.

Ci vogliono togliere anche la rete, e per quei pochi che si metteranno in regola saranno schedati e tenuti dalle palle con queste leggi assurde e fasciste!!!

ARRESTATECI TUTTI!!!

Già le carceri sono sovraffollate, con circa 70.000 mila detenuti. Vogliamo vedere come si sta in 1.070.000 persone!!!

LORO NON MOLLERANNO MAI, NOI NEPPURE!!!

Ciao

Bookmark and Share

1 commento:

alivin70 ha detto...

Ben detto!
Non molleremo mai